, ,

Amazon Echo Speaker Alexa: recensione del nuovo assistente vocale Smart Home

Guida all’assistente vocale Amazon Echo Speaker Alexa prossimamente in arrivo in Italia

Amazon Echo Speaker Alexa recensione del nuovo assistente vocale

Sulla scia dei grandi colossi come Google, anche lo store Amazon ha previsto una versione italiana del nuovo Echo Speaker Alexa che entra a far parte di prepotenza trai migliori prodotti di domotica della Smart Home. L’azienda Amazon ha fin’ora realizzato tre diversi modelli, con una versione americana disponibile sul territorio Usa a seguito del flop ottenuto con il lancio dello smartphone Amazon nel 2014.

Le vendite americane hanno portato circa 4 milioni di adesioni, un numero non ancora incisivo, ma promettente data l’intenzione di espandere l’Amazon Echo Speaker Alexa in altri paesi oltre la Gran Bretagna e la Germania.

Il nuovo sistema di intelligenza artificiale assomiglierà alle funzioni del Google Assistance, con alcune migliorie, e sarà perfettamente in grado di rispondere alle esigenze di tutti gli utenti. Lo sviluppo del nuovo Speaker comprenderà un centro di ricerca con sede a Torino.

Amazon Echo Speaker Alexa: recensione del nuovo assistente vocale della Smart Home

Il nuovo Amazon Echo Speaker Alexa garantirà una completa interazione con il resto dei dispositivi e dei servizi integrati, limitando l’accesso all’assistenza vocale solamente tramite il controllo della voce chiamando lo Speaker con il proprio nome “Alexa”.

In questo modo l’assistente personale si attiverà a completa disposizione dell’utente per eseguire qualsiasi richiesta. Amazon Echo Speaker Alexa potrà ricercare con velocità, in tempo reale in qualsiasi momento e luogo con la sola connessione dati traffico internet o rete WiFi, un locale ristorante, un bar, un esercizio commerciale o evento su di un territorio specifico, ma anche tradurre frasi o parole in una lingua straniera e rivelarsi quindi indispensabile anche in viaggio.

Amazon Echo Speaker Alexa consentirà l’invio di messaggi agli utenti presenti all’interno della rubrica smartphone, accedendo al resto delle applicazioni, dei dispositivi presenti all’interno della Smart Home, dei videogame e altro ancora.

Sarà ad esempio possibile prenotare un taxi, utilizzare Uber, ordinare del cibo d’asporto con un semplice comando vocale di assistenza, la tecnologia che sarà integrata ad ogni dispositivo mobile e che ha già iniziato ad essere presente sul mercato.

I primi test saranno eseguiti su un gruppo di utenti limitato secondo quanto rilasciato dall’azienda Amazon, prima di immettere ufficialmente il nuovo sistema di assistenza vocale sul mercato italiano.

Serena