,

WhatsApp: come utilizzare tre trucchi per condividere file, recuperare conversazioni e scoprire se ci hanno salvato in rubrica

WhatsApp si semplifica: come utilizzare tre nuove versioni in tutta semplicità

WhatsApp come utilizzare tre trucchi per condividere file, recuperare conversazioni e scoprire se ci hanno salvato in rubrica

L’applicazione di messaggistica di WhtasApp si semplifica sotto l’introduzione di tre trucchi per utilizzare al meglio le sue funzioni. Recuperare le conversazioni cancellate, scoprire se il proprio contatto è stato salvato in rubrica da terze parti e condividere ogni tipologia di file.

Gli ultimi aggiornamenti arrivati sull’applicazione hanno introdotto diverse funzionalità, nell’attesa dell’arrivo dell’ultima feature per i pagamenti, con sede di test sul territorio americano, scopriamo insieme gli ultimi WhatsApp trucchi.

WhatsApp trucchi: come recuperare conversazioni, condividere ogni tipologia di file, scoprire se il proprio contatto è stato salvato in rubrica

Come recuperare le conversazioni che si sono cancellate per sbaglio sull’applicazione di WhatsApp? L’applicazione infatti non elimina definitivamente i messaggi, ma gli stessi non vengono più mostrati una volta premuto sul tasto di elimina conversazione.

E’ possibile recuperare le conversazioni che ci interessano spostandoci sulla memoria del telefono o della scheda SD, da dove reperire la cartella denominata “WhatsApp”. All’interno della stessa cartella ne comparirà una seconda con la dicitura “database”.

Tutte le conversazioni, anche quelle eliminate, sono conservate nel formato “msgstore.db.crypt” che però risulterà illeggibile dal proprio dispositivo smartphone. Si dovrà quindi scaricare un’applicazione di editor apposita dallo Store per recuperare in questo modo le conversazioni desiderate.

Ma come scoprire se un contatto ci ha salvato all’interno della propria rubrica o meno? Anche in questo caso si può ricorrere ai WhatsApp trucchi. E’ sufficiente inviare un qualsiasi messaggio di testo al contatto in questione, all’interno dell’applicazione di WhatsApp, accedendo alle info dove saranno mostrati “consegna” e “letto” per mezzo delle linee doppie e blu.

I messaggi sull’applicazione compaiono solamente da un broadcast salvato in rubrica, ovvero se le info sul contatto mostreranno lo stato di ricezione e lettura significa che il nostro contatto sarà stato salvato in rubrica da parte dell’utente in questione.

Il discorso cambia in caso di file da condividere? WhatsApp ha introdotto diverse funzioni per permettere lo scambio di qualsiasi tipologia di file ormai, immagini, video, documenti, ecc. Grazie all’pp CloudSend è di fatti possibile inviare qualunque file servendosi di appositi link.

CloundSend dovrà essere collegata ad un account DropBox, dove sarà possibile caricare in automatico il file e condividere il formato. Per farlo sarà sufficiente entrare in CloundSend e cliccare su “condividi WhtasApp” una volta aperto il file in questione. Il link da condividere sarà generato così in automatico, disponibile alla condivisione.

Serena