,

WhatsApp: ecco la nuova truffa in arrivo e come difendersi

Svelata l’ultima truffa su WhatsApp, come difendersi

WhatsApp ecco la nuova truffa in arrivo e come difendersi

Le truffe sull’applicazione di WhatsApp sembrano non finire mai. Nonostante i continui aggiornamenti e le continue avvisaglie per la sicurezza dei suoi utenti, l’app di messaggistica più utilizzata al mondo continua ad essere un terreno fertile e minato dai fake.

Successivamente alla truffa del messaggi con l’arrivo fake dei messaggi di testo colorati, opzione già in uso sulla piattaforma social di Facebook, ma in attuale stato di lavorazione su WhtasApp a detta del team, giunge l’ennesimo tentativo di trarre in inganno gli utilizzatori dell’applicazione.

Ancor prima dei messaggi di testo colorati fake è stata la volta del fake del cioccolato Perugina, poi ancora la volta dei buoni spesa per il supermarket Eurospin, la truffa dei cinque pacchetti di sigarette Marlboro in palio, ecc.

WhatsApp: nuova truffa del rinnovo a pagamento dell’app

Questa volta la nuova truffa WhatsApp riprendere una versione fake già vista e affrontata in passato: l’abbonamento annuale a pagamento della stessa per continuare ad usufruire del servizio di messaggistica social.

Il messaggio fake riporta il seguente testo: “Gentile Cliente, Attenzione! Il tuo account WhatsApp Messenger e scaduto. La registrazione non e stata rinnovata scade entro 24 ore, per rinnovare il tuo WhatsApp Messenger 0,99 euro, grazie a seguire il link di rinnovo. Rinnova il tuo WhatsApp Messenger. Si prega di rinnovare il più presto possibile per evitare la perdita di tutti i media (immagini, video, storico). Verifica”.

Il link sul quale viene richiesto di cliccare è in realtà una truffa creata appositamente per rubare i dati sensibili dell’utente. L’applicazione di WhatsApp non scade e non è rinnovabile a pagamento, ma rimarrà gratuita, come ha dichiarato più volte il team realizzatore.

Il messaggio fake appare il frutto di una traduzione automatica, un testo sgrammaticato e quindi facilmente riconoscibile ed evitabile. La stessa Polizia Postale, sulla propria pagina Facebook, ha fatto sapere di non cliccare su alcun link, cercando sempre di individuare la fonte dell’invio della conversazione prima di lasciarsi tentare.

Le nuove funzionalità sull’app di WhatsApp giungeranno come al solito tramite aggiornamenti senza il bisogno di dover installare o cliccare su nessun link/download. Non lasciatevi ingannare dai messaggi esterni al team di realizzazione.

Serena