,

Aste al ribasso: Le mosse per vincere senza spendere un euro

eBay? Roba vecchia.
Avreste mai pensato di acquistare un Netbook a 20 euro od una macchina a poche decine di euro? Beh, con le aste al ribasso tutto ciò è possibile.

E’ un fenomeno che è scoppiato in Italia nel 2007 ed a fine 2008 sono nati già vari siti internet che gestiscono tali aste. Ha avuto un periodo di gran successo durante quegli anni, ma è svanito alla velocità con cui è entrato a far parte di Internet, anche per i dubbi che sorgevano su questo modo di “acquistare” oggetti: a disdetta di tutti però sono ancora attivi e, con la scusante che sono stati dimenticati da molti, potremmo approfittarne per aggiudicarsi qualche bel prodotto. Vediamo come funziona, le modalità di gioco e le strategie da seguire per vincere.

Leggi anche: Scegli tra le migliori Poker Room Online!

COME FUNZIONA?

Funziona nel modo esattamente inverso rispetto ad un’asta tradizionale: chi offre meno vince. Quest ultima frase però è da studiare a fondo. Qualcuno potrebbe dire: “Beh, allora offro 1 centesimo e mi assegnano il prodotto”. In realtà non è così facile, vince il prodotto chi espone l’offerta piu bassa unica. Esponiamolo con un esempio.

Supponiamo ci siano 6 concorrenti:

  • 2 concorrenti offrono € 0,01
  • 1 concorrente offre € 0,02
  • 3 concorrenti offrono € 0,03

Potremmo dire a prima occhiata che ha vinto chi ha puntato 1 centesimo, ovvero l’offerta più bassa. Ma abbiamo specificato che vince chi oltre a specificare l’offerta più bassa ha anche quella unica.
In questo caso il vincitore è il concorrente che ha puntato 2 centesimi, visto che tra le puntate, è l’offerta unica più bassa.

LE MODALITA’ DI VINCITA

Prima di elencarvi i siti studiamo il modo che utilizzano ed i trucchi per incrementare le possibilità di vincita.
Molti siti di aste al ribasso sfruttano i crediti. Di solito all’iscrizione al servizio vengono regalati 50 crediti, che vengono scalati per ogni puntata in base al prodotto (alcuni prodotti richiedono 15/20 crediti per ogni puntata). Per aumentare il proprio ammontare di crediti ci sono due modi:

  • 1. Acquistarne degli altri (i servizi di aste al ribasso offrono pacchetti da 50/100/200 crediti a tot euro);
  • 2. Invitando amici (Ogni amico invitato ed iscritto tramite il link personale, che vi viene dato dal sito stesso, produce di solito 15/20 crediti).

Altri semplicemente basandosi sulle ricariche che vengono effettuate sul loro sito. In questo caso appena effettuata la registrazione vengono regalati 4 euro. Ogni puntata prevede 2 euro (quindi sia che voi puntiate 2 centesimi che 5 euro l’ammontare della puntata sarà sempre pari a 2 euro).

LE ASTE AL RIBASSO PIU FAMOSE…

I pionieri di aste al ribasso si contano sulle dita di una mano. Stiamo parlando di:

  • BidPlaza
  • YouBid
  • AsteClick

Diffidate delle imitazioni se cercate sicurezza e premi di qualità. Prima di tutto iscrivetevi e seguite i trucchi qui di seguito per avere più possibilità di vincita.

…E LE STRATEGIE

Prima fra tutte è la Dea Bendata. Parliamo della fortuna, unico nemico anche dei professionisti nel campo. Quindi, dopo aver premesso questo, cominciamo con i trucchi da “esperti”

  • REGOLA #1: RICARICARE BONUS
    • La prima regola che attua un professionista è quella di caricare una grande quota sul servizio d’aste al ribasso. Perchè? Semplice detto: Molte di questi siti “supportano” le ricariche di un buon valore regalando crediti/euro bonus. Esempio pratico: Caricando 200 € vengono regalati 100 crediti/€.
  • REGOLA #2: LA MANO “PILOTA”

    • Vengono attesi gli ultimi minuti dell’asta per puntare. Puntano così due quote, per esempio 0,50 centesimi e 1 €, e se risultano come “uniche” coprono di qualche centesimo la quota più bassa (0,50 centesimi) ed aspettano l’esito.
  • REGOLA #3: SCORAGGIARE GLI AVVERSARI

    • Seguendo questa regola il professionista punta su prodotti “passati di moda” o comunque non di ultima “generazione”. Vengono fatte varie puntate, magari sfruttando il bonus della prima regola. Il folto numero di offerte, nei giorni precedenti al termine dell’asta, ha scoraggiato gli altri aspiranti vincitori, che tentavano diverse possibilità senza riuscire ad ottenere l’offerta unica più bassa.

ASPETTI ESTERNI

Oltre alle regole su citate molta importanza viene affidata al RELOAD del sito (ovvero il tempo che trascorre affinchè il sito d’aste al ribasso visualizzi le ultime offerte agli utenti) e all’ambizione di un oggetto appena “uscito” (ad oggi sarà sicuramente più facile vincere un oggetto come un iPod Shuffle rispetto ad un iPhone/iPod perchè la folla si riversa su prodotti di ultimo grido). Inoltre su questo blog viene specificato la possibilità di vincita in proporzioni alle offerte effettuate.

ALTERNATIVE: LE ASTE LIVE

Le aste live sono l’antipodo di quelle al ribasso. Si parte da 0,00 centesimi e si rilancia con cifra di valore constante (tipo 10 centesimi) ogni qualvolta la proprio offerta viene superata. Qui ne viene spiegato il funzionamento.

CONCLUSIONI

Seguendo semplici regole ed avendo un pizzico di fortuna è semplice vincere premi che costano fior di quattrini. Ricordiamo che l’asta al ribasso è sempre stata vista con occhio di riguardo dalle associazioni di consumatori e dalla legge: d’altronde ha la stessa modalità di un gioco gioco d’azzardo. Fintanto che nessuna legge in merito prenderà vita potremo sfruttare le aste al ribasso come una normale asta, guadagnando: approfittiamone!

Luca Chialastri