,

Fare secche le password

Usare la Rete per sbloccare l’accesso alla Rete.

No, non è uno scioglilingua. E’ il tema caldo dell ultimo periodo. La sfida di chi non accetta la nuova Internet, fatta di troppe aree riservate e registrazioni obbligatorie permettere a frutto fino all’ultimo clic.
Che gli Hacker usino Internet per far saltare le protezioni di siti o software non è una grossa novità. Il punto è che quel che fino a qualche tempo fà era una cosa per pochi guru, oggi pare alla portata di tutti.

I trucchi e gli stratagemmi messa a punto per trasformare alcune protezioni in semplici giocattoli inutili sono sempre di più semplice utilizzo. Una traduzione letterale vera e propria del termine BUGMENOT ancora non esiste. “Non annoiarmi” o “Non buggerarmi” potrebbero essere le metafore più appropriate per dare un significato al nome di questo sito (www.bugmenot.com) davvero “speciale”, che nasce da un’idea semplice quanto accattivante: la condivisione delle password.
BugmeNot suggerisce semplicemente di condividere gli account che permettono di accedere ai siti di news, magazine, siti di download e quant’altro richieda una registrazione.

Una volta nella sua home page, semplice ed ordinata, inserite nella stringa l’indirizzo URL del sito a cui si vorrebbe accedere e cliccate su Show logins.
Ottenuta la coppia username/password basta recarsi sulla form di login e provarla.
Se questa risulta inefficace, è possibile ottenerne un’ altra tramite il pulsante This login didn’t work.
Devo però dire che spesso il metodo non funziona, perchè gli account che vengono condivisi sono “fake” o semplicemente perchè vengono bloccati direttamente dai siti stessi.

Luca Chialastri