, ,

Podcasting: il figlio della Musica

L’ondata dei gioiellini Mp3, gli ipod, ha portato novità nel mondo della musica. I podcast sono finiti nelle grinfie di Steve Jobs. Il guru di Apple ha fiutato l’affare ed ha deciso di puntare forte su questa nuova tecnica comunicativa. Le trasmissioni audio autoprodotte, i podcast appunto, possono essere scaricate con iTunes e facilmente sincronizzate con l’iPod/iPhone. Un modo per far usare il software anche agli appassionati di podcasting e di dare ulteriore slancio alle mille versioni del già vendutissimo lettore Mp3/cellulare avanzato di Apple (www.apple.com/it/). È stato un trionfo: in soli due giorni dal lancio più di un milione di persone ha sottoscritto il nuovo servizio Podcast.

FINALE SCONTATO

D’altra parte il matrimonio tra la casa di Cupertìno e il podcasting era nelle cose: il nome di questa nuova forma di comunicazione audio deriva, infatti, dalla fusione dei termini “iPod” e “broad-casting”. Anche se non c’è bisogno di possedere un lettore Mp3 di Apple per entrare nel circuito dei podcast, questo gioiellino tecnologico è diventato sinonimo di “contenuti sonori on demand“.
La consultazione dei podcast è stata integrata dalla versione 4.9 di iTunes (su www.apple.com/it/itunes/download), il player che permette anche di acquistare brani e album digitali nel Music Store della casa di Cupertino. La nuova funzionalità consente di sottoscrivere e scaricare migliaia di podcast gratuiti (Smila sinora), di riprodurli con il PC oppure, sincronizzando il software con l’iPod, di ascoltarli con il player Mp3. Non solo, basta creare un account per pubblicare un podcast su iTunes e assicurarsi, così, una enorme visibilità. Se negli Stati Uniti, e in generale nei Paesi di lingua anglofona, il podcasting ha già un grande seguito, in Italia sono ancora pochi quelli che utilizzano questa tecnica di comunicazione. Il fenomeno, però, grazie alla diffusione di iTunes, sta iniziando ad emergere anche nel Belpaese. “Il nostro podcast rivolto agli appassionati di musica classica”, confermano i gestori di www.dacapoalfine.it, “ha registrato un notevolissimo aumento di iscrizioni dopo che iTunes ha introdotto la voce Podcast nel suo menu”. Anche i podcaster illustri hanno colto al volo l’occasione. Nomi del calibro di Max Pezzali, Jacopo Fo (www.jacopo fo.com/files/podcast1.xml) e Claudio Cecchetto hanno già iscritto il proprio podcast su iTunes. Ma non solo.
A farne da apice sono i siti delle Radio che offrono svarianti Podcast, ovvero registrazioni di cult di determinati programmi attuati nella radio (Radio Globo con il Morning show, Radio Kiss Kiss, RDS, Radio Due conFiorello e Baldini ) inoltre è un ottimo strumento per far conoscere i Dj emergenti.

Da iTunes basta andare sulla voce Directory Podcast cosi vi ritroverete nella Home Page del Podcasting. Gli indirizzi dei podcast che possono essere sottoscritti sono nella colonna Categories che li suddivide per argomento. Per iscriversi è sufficente premere su Iscriviti ed avviene il download delle ultime “puntate”. Dopodichè basta semplicemente collegare il proprio iPod. La sincronizzazione avviene automaticamente e dopo minuti dopo avrete tutte le puntate pronte da sentire nel vostro iPod.
Serve però dire, che per ascoltare i podcasting basta un lettore Mp3 compatibile.

Luca Chialastri