,

Soluzioni alle Disinstallazioni difficoltose/incomplete

Dopo aver usufruito di un software Demo/Shareware, che si accinge alla scadenza, se ci decidiamo a fare pulizia eliminando Software che non utilizziamo più, o ancora semplicemente se vogliamo far spazio sull’hardisk, l’operazione di rimozione software che effettueremo, è chiamata comunemente come Disinstallazione.

La Disinstallazione provvede alla rimozione dell’eventuale software e dei file ad esso associati.
Peccato che, su sistemi Windows, lasci alquanto a desiderare. Infatti il software non lascia mai completamente il sistema. Molti file (spesso chiavi di registro e collegamenti) restano sul proprio computer, ed alla lunga possono portare a gravi problemi di funzionamento e se non siamo previdenti potremmo perdere importanti documenti personali e/o di lavoro. (Leggi l’articolo in merito: PC a prova di Crash! Vi sveliamo i trucchi per prevenirli/risolverli ). Altre volte la disinstallazione di software è danneggiata e non si riesce a giungere a fine rimozione.

In questo articolo proveremo a porre rimedio alle disinstallazioni “impossibili” e renderle complete con piccoli trucchi.

LA PAROLA D’ORDINE: UNISTALLER

Esistono software in grado di rendere la disinstallazione completa, del tutto automatizzata. Senza dover ricorrere a programmi di terze parti. Trai più famosi c’è sicuramente Revo Unistaller (esiste una versione Freeware ed una Professional) . Non dovrete far altro che installarlo e dalla schermata principale scegliere il software, tra quelli installati nel nostro sistema, e rimuoverlo con un semplice click. Revo Unistaller provvederà a eliminare tutte le chiavi che la disinstallazione di “routine” non sarebbe in grado di fare.

IL POST UNISTALLAZIONE

Se avete eseguite una disinstallazione normale e volete rimuovere eventuali file residui utilizzate CCleaner o Regcleaner, che oltre ad eseguire una pulizia accurata di file e collegamenti non più utilizzabili, elimina anche file temporanei e file obsoleti presenti nel vostro Hardisk. Regcleaner inoltre permette la personlizzazione del menu contestuale di Windows.
Vi consiglio l’utilizzo, di uno o dell’altro, periodico.

TI SBLOCCO!

Ok, non vi basta. Volete rimuovere manualmente i file che la rimozione non ha cancellato. O la disinstallazione  vi ripresenta un errore del tipo “FILE GIA’ IN USO. IMPOSSIBILE LA RIMOZIONE”.
In questo ci viene incontro il legerissimo e Stand-alone Unlocker.
E’ un’applicazione che a funziona in background con risorse minime e permette lo sblocco automatico di file apparentemente bloccati.

ERRORI COMUNI

Se la disinstallazione presenta problemi e non riesce a giungere a conclusione esiste un semplice comando Windows che permette il ripristino di file “corrotti”.
Andate su Start/Esegui e digitate Sfc /Scannow e premete OK.
Se nemmeno questo vi aiuta provate a reinstallare il software e provvedete nuovamente alla rimozione.

LE ALTERNATIVE

Alcune Software House rendono disponibili software di rimozione per i loro prodotti.
Re indiscusso nel campo è il famoso, e buggato, Antivirus Norton della Symantec. La sua disinstallazione è quasi del tutto “nulla”. Al riavvio del PC numerosi servizi dell’antivirus appena rimosso sono ancora attivi, per non parlare di file, chiavi di registro e applicazioni interne (!!!): un disastro. Trovate il file che rimuove alla radice il software sul sito ufficiale alla rispettiva guida italiana.

CONCLUSIONI

Se ci tenete alla pulizia od a evitare spiacevoli sorprese vi consiglio di fare Backup periodici del sistema (Acronis True Image è trai migliori). Prevenire è meglio che curare!

Luca Chialastri