,

Telecom limita l’ADSL dal 1° marzo 2011

 Con un annuncio di pochi giorni fà Telecom pone le mani avanti sul fronte P2P (eMule, Torrent).
Questo è l’annuncio pubblicato sul sito internet.

Per garantire l’integrità della rete e il diritto per tutti i Clienti ad accedere ai servizi di connettività Internet anche nelle fasce orarie in cui il traffico dati è particolarmente elevato, Telecom Italia, nel rispetto del principio di parità di trattamento e quando necessario, si riserva la facoltà di introdurre meccanismi temporanei e non discriminatori di limitazione all’uso delle risorse di rete disponibili per tutte le offerte commerciali che prevedono traffico dati su tecnologia ADSL.

A tal fine Telecom Italia, limitatamente alle sole centrali in cui si verificano fenomeni di congestione di traffico, potrà intervenire sulle applicazioni che comportano un maggior consumo di risorse di rete (peer to peer, file sharing ecc.) limitando la banda dedicata a queste ultime ad un valore massimo proporzionale alla banda complessiva disponibile sulla singola centrale.

Questi meccanismi di Network Management, applicati in singole località e solo nelle ore di maggior traffico, hanno l’obiettivo di migliorare la qualità complessiva del servizio e, non pregiudicando l’utilizzo delle applicazioni di file sharing, permettono di garantire anche nelle ore di punta una sufficiente disponibilità di banda per il funzionamento soddisfacente delle altre applicazioni “realtime” (es. navigazione internet, posta elettronica, Youtube, ecc.).

Nell’ottica di fornire massima trasparenza e tutela ai propri Clienti, in questa pagina saranno indicate le fasce orarie e le località che potrebbero essere interessate dagli interventi di rimodulazione della banda disponibile.

Verranno temporaneamente limitate alcune centrali (quelle con più altro traffico) e solo in orari prestabiliti.
Anche Mamma Telecom, quindi, comincia a prendere la strada del “forte limite”. Così facendo, da una parte limita la diffusione e l’uso spropositato di programmi P2P (sia chiaro, l’annuncio non limita il loro uso ma non garantisce pieno download in determinate ore e luoghi) e dall’altra rafforza la linea che viene “prosciugata” solo dall’utenza che fà uso di questi programmi (che come sappiamo rubano molta banda al server).

Luca Chialastri