,

6 Regole per non far fuggire i visitatori da un sito

Quando un utente accede sul vostro sito dovete colpire la sua curiosità per riuscire a trattenerlo il più possibile.  Quali sono le regole per riuscire a conquistare i potenziali visitatori? Come accorgersi quanti, sempre se, ci sono utenti che accedono al nostro sito e dopo una rapida lettura se ne vanno? Come migliorarci?

Prima di tutto dobbiamo vedere le statistiche del nostro sito web. Dove aver deciso di creare un blog, il secondo step è capire quanto è soddisfacente quest’ultimo a chi lo visita. Esistono svariati strumenti per capire quanto è soddisfacente ai visitatori il nostro sito e gli articoli che contiene, tra queste figura la FREQUENZA DI RIMBALZO.

Più questa percentuale è alta, più i nostri visitatori giungono sul nostro sito e “rimbalzano” via poco dopo, vuoi perché l’articolo al quale hanno avuto accesso non li ha soddisfatti, vuoi perché non è stato esauriente, vuoi perché la grafica o la struttura del sito è troppo caotica quindi fuggono via cercando altrove. Per tanto dobbiamo preoccuparci se la % risulta troppo elevata.

Tuttavia, una percentuale di Rimbalzo è sempre tenuta a conto poiché non tutti siamo uguali, quindi se per Tizio il nostro sito risulta apprezzabile per Caio potrebbe risultare tutt’altro.

Per controllare la nostra percentuale di Rimbalzo possiamo utilizzare Google Analtycs:

  1. Assicuriamoci che lo script di Google Anatlycs sia attivo e quindi che le visite vengano registrate;
  2. Accediamo al PANNELLO DI CONTROLLO di GA;
  3. In basso notiamo subito un piccolo grafico con la dicitura FREQUENZA DI RIMBALZO.

PERCENTUALE TROPPO ALTA?

Se la percentuale è troppo alta è evidente che ci sono problemi. Ecco cosa fare per evitare l’allontanamento dei visitatori:

GRAFICA E STRUTTURA

Essenziale elemento: occorre curare la grafica del proprio sito. Renderla originale affinché l’utenza venga colpita dalla stessa e ne rimanga attratta. Le conseguenze positive possono essere varie:

  • L’utente può salvare il sito ai preferiti;
  • L’utente può entrare a far parte della vostra fan page/profilo twitter o G+;
  • Prendere spunto dal vostro modello e così facendo ricordare il link al vostro sito.

QUALITA’ DEGLI ARTICOLI

Non servirebbe neanche a dirlo. La prima cosa che serve ad un sito è la qualità dei suoi articoli. Se pubblichiamo articoli brevi o molto generici, è ovvio che la gente non è colpita dal lavoro e, oltre ad andarsene, rischiamo che  memorizzi la grafica (o il link del sito) e lo scosti nel caso in cui appaia successivamente nei risultati di ricerca. Se stendiamo contenuti di qualità, la grafica del sito può passare tranquillamente in secondo piano.

TEMPO DI CARICAMENTO

Il tempo di caricamento delle pagine è uno dei fattori che spinge l’utente a restare o meno su un sito: và da sè, che se un utente accede ad un sito e il caricamento si prolunga per interminabili secondi è spinto ad andarsene prima tempo. Dove mettere mano? Ecco alcuni consigli:

  • Non riempiamo di plugin il nostro CMS (come WordPress);
  • Eliminiamo script pesanti e sopratutto inutili;
  • Redistribuiamo meglio i banner pubblicitari che risultano troppo invadenti o troppo estesi;
  • Quando inseriamo immagini nei nostri articoli assicuriamoci prima che siano ottimizzate al massimo e che non siano di grandezza elevata;
  • Uniamo tutti i CSS all’interno di uno unico affinchè il browser non debba caricare vari file CSS ma soltanto uno.

CREARE FORUM

Abbiamo già parlato dell’importanza di un forum all’interno di un sito:
  • Fidelizza gli utenti spingendoli a tornare;
  • Permette di moltiplicare la possibilità di pubblicità nel Web attraverso la creazione di topic;
  • E’ un passatempo che trattiene gli utenti sul nostro sito e stimola nell’interazione e lettura degli articoli.

Leggi anche: Crea un forum all’interno del tuo sito!

TARGET BLANK

Inserite in ogni link esterno il target BLANK: ciò permette di non lasciare il vostro sito, proprio perché quando l’utente fà click sul link, quest ultimo viene aperto in una nuova scheda/finestra. Ci sono plugin per WordPress che permettono di impostare in automatico tale funzione come per esempio Sem EXTERNAL links.

SOCIAL FAN E RSS

Uno strumento da non sottovalutare è la potenza del Social. Spingere i propri utenti ad entrare nella propria fan page assicura utenza fidata e la possibilità di tenere aggiornati in modo efficienti gli stessi utenti, quindi aumentare l’ipotetica affluenza al sito. Stimoliamoli, durante la stesura dell’articolo, ad entrarvi e ricordiamoci di inserire un social plugin dove occorre. Allo stesso modo diffondi i tuoi RSS affinchè gli utenti fidelizzati tornino e restino aggiornati sulle novità.

Luca Chialastri